The experts in lubrication technology
MWM
Sensori ottici di striature IFX

Utilizzo dei sensori ottici di striature nei sistemi di lubrificazione aria+olio

I sensori possono essere montati in operazioni di retrofit, per verificare il funzionamento di miscelatori aria+olio precedentemente istallati. In questo caso si montano direttamente all'uscita del mixer.
Si deve qui considerare che il sensore controlla un flusso che non è mai costante poiché il dosaggio del lubrificante, nei sistemi monolinea, avviene ciclicamente ad impulsi temporizzati.

Dobbiamo quindi distinguere tra un controllo di tipo dinamico (segnale ad ogni ciclo di lubrificazione) o il controllo statico (segnale quasi continuo).
Abbiamo le seguenti opzioni:

  1. Controllo dinamico: con sensore tipo IFX-S08 montato internamente al miscelatore (MVF-AX).
  2. Controllo dinamico: quando il sensore (tipo IFX-C04 o C06) è esterno al miscelatore, ma distante al massimo 10 cm.
  3. Controllo statico: quando il sensore (tipo IFX-C04 o C06) è esterno al mixer e viene posto ad una distanza superiore ad un metro.

Nei casi 1 e 2 il sensore reagirà con un cambio di stato (Led verde e poi rosso) ad ogni ciclo di lubrificazione, identificando che il dosaggio del lubrificante è avvenuto regolarmente. Nel caso 3, il segnale (LED verde) potrà essere sempre acceso sempre che la portata di lubrificante (la striatura d’olio) sia sufficiente e continua: per esempio, con un sensore posizionato a 3 m dal miscelatore e con un volume di lubrificante di almeno 300 mm3/h, con un flusso d'aria non superiore a 50 Nl/min.
Un quantità inferiore di un volume di lubrificante, o una maggiore portata d'aria, potrebbero determinare un segnale instabile a causa di un flusso troppo limitato e discontinuo, per l’ottica del sensore, ma pur sempre valido per le necessità del punto di lubrificazione. Di questo se ne dovrà ragionevolmente tenere conto nella gestione di controllo del segnale.

Secondo l’esperienza consolidata sul campo pratico, si preferisce raccomandare un controllo dinamico, poiché questo metodo di controllo risulta indipendente dal volume dosato e garantisce il controllo del singolo ciclo (“miss shot”).


Il controllo statico è utilizzato come controllo ridondante, a garanzia della presenza del lubrificante nella parte finale della tubazione (vedi anche filmato “sensore ridondante”)

DISTRIBUTORI NEL MONDO

MWM NEWS

12 Gennaio 2017

Descrizione. Questo tipo di spruzzatore si compone di un corpo con ugello simile al tipo DBS07, montato direttamente su un blocchetto...